Politiche di genere

Home » Aree » Politiche di genere

Politiche di genere

La crescita esponenziale delle donne negli ambiti lavorativi rappresentati dalla Cisl Fp è un dato senza dubbio incoraggiante. Tuttavia, non è corretto considerarlo il segno inequivocabile di una imminente vittoria sul fronte della parità di genere: nonostante il nostro Paese vanti una matura legislazione antidiscriminatoria, infatti, il genere continua a rappresentare un fattore di esposizione al rischio di trattamenti penalizzanti.

L’ingresso di forza lavoro femminile nel mondo del lavoro attraverso i servizi pubblici – in particolare nell’area sanitaria ed assistenziale – si è talvolta tradotto in segregazione professionale: le donne sono rimaste confinate in ruoli e mansioni poco riconosciute sotto il profilo salariale e professionale.Si pone, dunque, il problema di ridurre il divario retributivo di genere intervenendo sul fronte delle rivendicazioni economiche, dove ancora c’è una disparità netta, ma anche e soprattutto su quello delle opportunità di formazione e carriera. Favorire l’ascesa professionale delle donne fino ai ruoli di responsabilità nelle amministrazioni pubbliche rientra in questa direttrice strategica.

Questi, e tanti altri, sono nodi problematici che meritano di essere affrontati, affinché le carenze applicative sino ad ora sofferte possano essere progressivamente sanate in favore di una ottica di analisi nuova dell’annosa “questione di genere”. Un’ottica scevra da fanatismi rivendicativi e, piuttosto, adatta a tradurre il fondamentale principio di eguaglianza nell’accesso e nella permanenza al lavoro, da argomento retorico, in misure reali e concrete a beneficio delle professioniste pubbliche e dei servizi ai cittadini.

Questa sezione nasce proprio con l’intento di offrire agli utenti un servizio di supporto e aggiornamento continuo sulle novità che, non solo a livello normativo, alimentano la sfida della parità.

Ultime News

Maria Rosa Caporali